Comitato per la difesa della lingua e della cultura campidanese

“Una proposta di soluzione del problema linguistico sardo”

per i sardi  residenti, e non, nell’area linguistica campidanese

Come è noto il Consiglio Regionale il 27/06/2018 ha varato una legge sulla “lingua sarda”, non chiarendo cosa si intenda con questo termine e che non si tratta della “Limba Sarda Comuna” (L.S.C. definita da M. Pittau “logudorese annacquato” o “logudorese camuffato”), sperimentata in modo disastroso per 12 anni  con la spesa di molti milioni di Euro (dicono oltre 15!) per attuare la delibera della Giunta Soru dell’aprile del 2006, varata in “via sperimentale, come lingua amministrativa”, che si garantiva, solo in uscita dalla Regione verso gli enti locali. Considerato che la “lingua sarda” è una “macrolingua” costituita da due varietà fondamentali, il campidanese (parlato in un’area abitata da 900.000 sardi) e il logudorese  (parlato in un’area di 250.000 abitanti) “entrambe intercomprensibili per tutti i sardi, formalizzate e in possesso di un notevole patrimonio di letteratura in poesia e in prosa di grande valore”, nessuna delle due può essere sacrificata sull’altare dell’altra. Nella nuova legge si impone una lingua unica per tutta la Sardegna, eccetto la Gallura (gallurese), Sassari (sassarese), Alghero (catalano), Carloforte-Calasetta (tabarchino), sedi di lingue alloglotte e storiche  cui si garantisce la tutela, ma non si parla della variante maggioritaria campidanese. A questa si accenna solo nell’ Art. 8 comma 4, (standard linguistico e norme di riferimento ortografiche della lingua sarda) in cui si parla delle norme della “L.S.C sperimentata” che sono in netto contrasto con quelle della variante campidanese. Le norme di quest’ultimache ha un più vasto alfabeto  sono invece compatibili con quelle della variante logudorese.Le due varietà costituenti la “lingua sarda” pur avendo il 15% di lemmi in comune, li hanno diversi per l’85%, hanno alfabeto diverso (nel logudorese manca la “x” e la “q”), fonetica diversa (il campidanese ha 32fonemi, il logudorese 27e non possiede le prepalatali,“ʒ” zeta sonora e “dʒ”), ortografia e coniugazione dei verbi diverse, ausiliari compresi e molto altro dissimile per cui è utopia volerle unificare (E. Blasco Ferrer, M. Pittau, L. de Martini, F. Armeni, A. Forteleoni e molti altri linguisti). E’ delittuoso eliminare il campidanese per avere una lingua unica perché è già “unica nelle sue varianti” ed è impossibile applicare le norme ortografiche e linguistiche della L.S.C., lingua morta, sulle varianti vive che hanno proprie norme di riferimento. Considerando che le due varianti e le lingue storiche ed alloglotte, colonizzate dall’italiano, sono a rischio di estinzione se non vengono parlate, scritte e insegnate a scuola (da docenti che dovrebbero conoscere in maniera attiva e passiva una varietà e conoscere in maniera passiva almeno un’atra varietà!) come tali per un tempo sufficiente a ravvivarle, col prezioso ausilio degli anziani e degli adulti sardoparlanti ogni variante o dialetto locale. Pertanto la legge del 27/06/2018 dovrà essere modificata dal nuovo Consiglio Regionale.  Premesso che la lingua è il DNA di ognuno di noi, è errata eticamente una legge che comporta la morte dell’85% delle parole campidanesi, sia perché non esistono nel glossario della citata “lingua sarda” ufficializzata, sia perché, se non saranno insegnate, sono destinate a sicura estinzione. La legge del 27/06/2018, è unapalese ingiustizia che comporta un genocidio culturalecon la negazione dell’identità linguistica ai campidanesi e sottende un lucido disegno di colonizzazione dell’area linguistica campidanese da parte della variante logudorese. Questo comportamento discriminatorio nei confronti dei campidanesi, può essere evitato con la ufficializzazione della “lingua sarda” nelle due varietà lasciateci dalla nostra storia millenaria. Per mantenere la pace tra i sardi e salvaguardare la cultura sarda, gli aderenti ai Comitati

Chiedono

1)-che la varietà campidanese sia considerata ufficiale al pari di quella logudorese e che le  alloglotte e storiche, siano tutelate e insegnate nella propria area linguistica;

2)-che nelle scuole di ogni ordine e grado del dominio linguistico campidanese sia insegnata la variante campidanese e la si usi in tutti i suoi sportelli linguistici;

3)-che sia totalmente modificata la L.R. 27/06/2018, con la cancellazione di ogni riferimento alla L.S.C. con cui si attuerebbe il più grave genocidio linguistico-culturale della storia sarda. Per garantire uguali diritti identitari ai sardi, è necessario che in ogni parte dell’Isola sia insegnata la lingua della propria area linguistica perché ciascuna parola sarda che muore trascina con se nella tomba dell’oblio i saperi, le tradizioni, le arti, la storia e la cultura dei nostri antenati. I campidanesi chiedono solo che siano rispettati i loro  diritti, tutelati sia dallo  Statuto dell’Unesco, Art.27, sia dal Diritto Internazionale i quali recitano : “ogni cittadino del mondo ha diritto alla propria lingua madre”. Perché sia cambiata la legge sulla “lingua sarda”i Comitati opereranno affinché siano riconosciuti i diritti dei campidanesi nella speranza di non essere costretti a ricorrere al tribunale internazionale. I campidanesi non possono essere privati della propria identità linguistico-culturale, da una legge vessatoria, antistorica e si augurano che il nuovo Consiglio Regionale, accolga la richiesta di  ufficializzare la “lingua sarda” nelle sue  varietà campidanese e logudorese. Perché la presente richiesta sia accolta dalle Autorità Regionali, gli otto “Comitaus po sa defensa de sa lingua e de sa cultura campidanesa” de s’Area metropolitana de Castéddu, de su Médiu Campidanu,de s’Oristanésu, de su  Sulcis, de su Gerréi,  de  Sarrabus, de s’Iglesientie de sa Marmilla, istituito il sito www.comitatolinguacampidanese.it(che siete invitati a visitare), hanno ricevuto in pochi mesi, quasi 6.000 adesioni da parte degli uomini di cultura e di comuni cittadini sardi gelosi del proprio idioma,si impegnano nel sensibilizzare i sardi perché aderiscano a questa nobile campagna culturale. Affiancati da semplici cittadini, da illustri uomini di cultura, poeti, scrittori, e da molte associazioni quali LIONS, UNESCO, ANCRI, O.D.A,ANIOC, PRO LOCO, Paesaggi Connessi, Consorteria Arti, Boxis, Centesimus Annus e molte altre, i Comitati proseguiranno nella difesa della lingua campidanese finché non sarà riconosciuto il diritto alla sua esistenza.

 

Comitau po sa defensa de sa lingua e de sa cultura campidanesa

“Una proposta de soluzioni de su problema linguisticu sardu”

po is sardus chi bivint e no, in is lacanas linguisticas campidanesas

Cument’èis ai  scìpiu su Cunsillu Regionali su 27/06/2018 at approvau una  lei asuba de sa  “lingua sarda”, foras clarificai ita s’intendit cun custu  términu e ca no si trattat de sa “Limba Sarda Comuna” (L.S.C., definia de M. Pittau “logudorésu aquau” o “logudorésu mascherau”), sperimentada in manera disastrada po 12 annus cun sperdìziu de medas millionis de Eurus (nanta prus de 15!) po attuai sa delibera de sa Giunta Sóru de s’abrili 2006, battiada  in “bia sperimentali, cali lingua amministrativa”, chi si garantiat, scéti in bessìda de sa Regioni conc’a is entis localis. Considerau chi sa “lingua sarda” est una “macrolingua” formada de duas variedadis de fundaméntu, sa campidanesa (fueddada in logus abitaus de 900.000 sardus) e sa logudoresa (fueddada in logus de 250.000 abitantis) “ambas intercumprensibilis po tót’is sardus, formalizzadas e riccas de una grandu sienda litteraria de poesia e prosa de valori estremau, nisciuna de is duas podit essi’ sagrificada in s’altari de s’àtera”. In sa lei noa s’imponit una lingua unica po tótu sa Sardigna, escluìa sa Gallura (gaddhuresu), Sassari (sassarésu), Algheru (catalanu), Carloforti-Calasetta (tabarchinu), sìtius de linguas alloglottas e storicas  a is calis bénit  garantia sa tutela ma  no si fueddat de sa lingua de majoridai campidanesa. A i custa s’accinnat scéti in s’Art.8, comma 4 (standard linguisticu e regulas de riferiméntu ortograficu de sa lingua sarda) in su cali bénint regordadas  is normas de sa L.S.C. sperimentada chi sunt in cuntrastu mannu cun cussas de sa varianti campidanesa. Is regulas de cust’ultima chi tenit un alfabetu prus cumpriu sunt de contras cumpatibilis cun cussas de su logudorèsu. Is duas variedadis de sa “lingua sarda” mancai tengant su 15% de fueddus in comunu, ddus tenint diversus po s’85%, tenint alfabetu diversu (in su logudorésu faltant sa “x” e sa “q”), fonetica divesa (su campidanésu tenit 32fonemas, su logudorésu 27e no possidit is prepalatalis,“ʒ” zeta sonora e “dʒ”), ortografia e conjugazioni de is verbus diversas, ausiliaris incluìus e meda àteru differenti, motivus po is calis est utopia su ddas bolli’ unificai (E. Blasco Ferrer, M. Pittau, L. de Martini, F. Armeni, A. Forteleoni e medas àterus linguistas). Est delittuósu elidiri su campidanésu po tenni’ una lingua unica poita est giai “unica in is variantis suas” i est impossibili applicai is regulas ortograficas e linguisticas de sa L.S.C., lingua morta, asuba’e duas variedadis bìas chi tenint proprias leis de riferiméntu. Considerau chi is duas variedadis e is linguas istoricas e alloglottas, colonizzadas de s’italianu, sunt in arriscu de morti si no bénint fueddadas, scrittas e imparadas in iscola (de parti de maistus chi iant a depi’ conosciri in manera attiva e passiva una variedadi e conosciri in manera passiva assumancu un’àtera variedadi!) cumenti sunt po unu tempus bastanti a ddas rabbivai, cun su speciósu aggiudu de is beccius e de is mannus conoscidoris de dognia variedadi o linguazzu locali. Po  tanti sa lei de su 27/06/2018 s’iat a depi’ modificai de parti de su Cunsillu Regionali nóu. Premìttiu chi sa lingua est su DNA de dognunu  de nos, est eticamente errada una lei chi cumportat sa morti de s’85% de is fueddus campidanesus, siat poita no esistint in su glossariu de sa zitada “lingua sarda” offizializzada, siat poita, si no ant a benni imparaus, sunt destinaus a morti sigura. Sa lei de su 27/06/2018, est  unaclara ingiustizia chi cumportat unu genocidiu culturalicun sa negazioni de s’identidadi linguistica a is campidanesus e cammuffat unu designu lucidu de colonizzazioni de s’area linguistica campidanesa de parti de sa varianti logudoresa. Custu cumportaméntu prezebbósu stabiliu contras is campidanesus, podit essi eliminau cun s’offizializzazioni de sa “lingua sarda” in is duas variedadis lassaunosì de sa storia millenaria nostra. Po mantenni sa paxi intre tótus is sardus esalvaguardai sa cultura sarda, is aderentis a is Comitaus                                                                      

Dimandant

1)-chi sa variedadi campidanesa siat considerada offiziali a su paris de cussa logudo -resa e chi is  alloglottas e storicas, siant imparadas intre sa propria area linguistica;

2)-chi in is iscolas de dognia ordini e gradu de su dominiu linguisticu campidanésu siat imparada sa varianti campidanesa e si usit in proprius sportellus linguisticus;

3)-chi siat  modificada de unu tótu sa L.R. 27/06/2018, cun s’elisioni de dognia riferiméntu a sa L.S.C. con sa cali s’iat averiguai su genocidiu linguisticu-culturaliprus graide sa storia sarda. Po assegurai ugualis derettus identitarius a is sardus, nezessìtat chi in dognia lógu de s’Isula siat imparada sa lingua de sa propria area linguistica poita dognia fuéddu sardu chi morit ‘nci tragat cun sei in sa tumba de s’olvidu su scìri, is costumanzias, is artis, sa storia e sa cultura de is antepassaus nostrus. Is campidanesus dimandant vétti chi siant rispettaus is proprius  derettus, tutelaus siat de su  Statutu de s’Unesco, art.27, siat de su Deréttu Internazionali is calis recitant : “dognia zittadinu de su mundu tenit deréttu a sa propria lingua maternali”. Po chi siat cambiada sa lei asuba‘e sa “lingua sarda”is Comitaus ant a fatigai  po chi siant reconnotus is derettus de is campidanesus sperendu chi no siant  custrintus a recurriri a su  tribunali internazionali. Is campidanesus no  podint essi privaus de sa propria identidadi linguistica-culturali, de parti de una lei angariosa, antistorica e sperant chi su Cunsillu Regionali nóu, sposit sa richiesta de  offizializzai sa “lingua sarda” in is suas  variedadis campidanesa e logudoresa. Po chi sa presenti richiesta siat accollia de is  Autoridadis Regionalis, is ottu “Comitaus po sa defensa de sa lingua e de sa cultura campidanesa” de s’Area metropolitana de Castéddu, de su Médiu Campidanu, de s’Oristanésu, de  Sarrabus, de su  Sulcis,de su Gerréi,  de s’Iglesientie de sa Marmilla, pustis aiistituìu susitu www.comitatolinguacampidanese.it (chi seis imbidaus a ddu visitai) in pagus mesis, ant arricìu casi 6.000 adesionis de parti de is ominis de cultura e de comunus zittadinus sardus attaccaus a sa propria lingua,si impleant in su sensibilizzai is sardus po chi donint s’adesioni  a i custa pelea culturali. Affiancaus de simplis personas, de illustris ominis de cultura, poetas, scrittoris, e de medas assoziazionis calis LIONS, UNESCO, ANCRI, O.D.A,ANIOC, PRO LOCO, Boxis, Paesaggi Connessi, Consorteria Arti, Centesimus Annus e tantis àteras, is Comitataus ant a prosighiri  in sa defensa de sa lingua campidanesa finzas a candu no at essi reconnótu su deréttu a s’esistenza sua.

Per il Coordinamento Comitati, il portavoce Giulio Solinas.

Letto il su citato documento, se ne condividete il contenuto, siete invitati ad aderire compilando il modulo che segue.